Google+

mercoledì, ottobre 22

Facebook e il vuoto esistenziale


Diffusissimo nella fascia di età compresa tra i 30 e i 40 anni, quello di Facebook è un fenomeno che provoca allarme e interesse da parte di persone che guardano all'aspetto psicologico e sociologico del mondo virtuale.
Secondo Paola Vinciguerra, presidente di Eurodap e direttore dell'Uiap alla Clinica Paideia di Roma, non è un caso che Facebook abbia colpito questa fascia d'età, spesso vittima di un senso di vuoto e di solitudine causato da una maggior attenzione attribuita all'apparire.

Per Tonino Cantelmi, fra i primi psichiatri a occuparsi del problema delle tecno-dipendenze in Italia, Facebook è una illusione che, per le decine di amici virtuali, permette di sentirsi importanti. In realtà, sempre secondo Cantelmi, si tratta spesso solo di un gran numero di "sfigati".

Si è arrivati a tracciare anche un identikit dei "patiti" di Facebook:

I Nostalgici: in cerca di amici del passato
I Latin lover virtuali : accumulatori di amicizie dell'altro sesso
I Cuori infranti: in cerca di amori perduti
Gli Insoddisfatti: speranzosi di trovare sogni, avventure e romanticismo.


PS: per chi fosse interessato giovedì a Milano è stato organizzato un incontro "off-line" per riunire la Facebook community lombarda.

Via
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...