Google+

mercoledì, ottobre 27

La protesta del Trilussa

My Trastevere mette a segno una nuova azione. Dopo l'incursione musicale di Piazza Trilussa,  arriva la bendatura degli 80 busti del Gianicolo e delle statue di Trilussa e Gioachino Belli. Ad accompagnare il blitz una poesia a favore del recupero della cultura sul territorio.
Quale sarà il passo successivo?

‘A CURTURA

Sto qua ‘n piedi tra prati, vicoletti e mura,
e’n sacco de gente intorno che strilla e fa bordello.
L’argomenti? So’ er carcio e er Grande Fratello,
guardo e penso: “che fine ha fatto ‘a curtura?”

Nun vedi ‘n libro, ‘n poeta, ‘n musicante.
Stai qua annoiato e rischi quasi che t’abbiocchi,
che m’è venuta voja de bendamme l’occhi,
e la Roma de ‘na vorta è sempre più distante.

Ma c’è quarcuno che sta a piantà ‘n ber seme,
e so’ sicuro che quarcosa sta a succede.
Vojono riportà tra ‘a gente tutte l’arti ‘nsieme.

E’ My Trastevere, c’è scritto su sta benda nera.
C’è ‘n sito webbe, ma ched’è nun me lo chiede,
So solo che rivojo Roma, ma quella vera…

Fonte: Angela Pietronigro
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...